Emorroidi in estate: cosa fare se peggiorano

emorroidi in estate

Emorroidi in estate

Emorroidi in estate: cosa fare quando le alte temperature rischiano di maggiorare i sintomi e il disagio? Sappiamo bene, ormai, che abbiamo a disposizione diverse opzioni di trattamento, dagli unguenti – utili per alleviare i sintomi – alle procedure chirurgiche che sono risolutive. Ma cosa potete fare per evitare che le emorroidi rovinino la serenità delle vacanze così tanto attese? Ecco cosa è utile sapere.

Perché in estate le emorroidi peggiorano?

Durante i mesi estivi, la temperatura è già estrema e se bisogna stare a lungo seduti, ad esempio quando si sta a lavoro in ufficio, si potrebbe verificare un peggioramento del prurito, del dolore e dell’irritazione di emorroidi già esistenti. Il caldo, infatti, ha un effetto vasodilatatore, anche sulle emorroidi che sono, appunto dei vasi sanguigni,

I sintomi delle emorroidi

Come si manifesta la malattia emorroidaria?

  • Presenza di noduli dolorosi nella cavità anale accompagnati da gonfiore, prurito e dolore anche intenso;
  • disagio durante il passaggio delle feci;
  • costipazione;
  • possibile sanguinamento anale;
  • difficoltà a controllare le feci;
  • apertura di una fistola anale.

5 possibili cause del sanguinamento nelle feci

Suggerimenti per evitare un peggioramento delle emorroidi in estate

Mentre il caldo estivo è inevitabile, è possibile comunque mettere in atto alcuni accorgimenti pratici che possono prevenire un peggioramento delle emorroidi esistenti e la comparsa di emorroidi nuove.

  • Mangia alimenti ricchi di fibre: lo specialista potrebbe consigliare un supplemento di fibre solubili e insolubili per mantenere morbida la consistenza delle feci e favorire la motilità intestinale. In condizioni normali un adulto ha bisogno di circa 25-30 grammi di fibra ogni giorno che può essere assunta attraverso cibi che ne sono ricchi, come legumi, cereali integrali, verdure a foglia verde, cetriolo, sedano, anguria, bacche, uva e pomodori;
  • Bevi a sufficienza: sembra un consiglio dal sapore del semplice buon senso, ma in realtà la maggior parte delle persone beve molto meno di quanto dovrebbe, soprattutto in estate, e quando arriva la sensazione di sete vuol dire che si è già disidratati. Garantirsi la giusta idratazione non solo aiuta a tenere sotto controllo la temperatura corporea, ma anche a prevenire costipazione, riducendo lo sforzo durante l’evacuazione;
  • Fai regolare esercizio fisico: è importante includere una dose giornaliera di attività fisica nel proprio stile di vita quotidiano perché aiuta a mantenere sano il colon. Evitare, però, di sollevare pesi o fare esercizi che coinvolgono l’addome in modo intensivo;
  • Attenzione ai lassativi e al fai da te: quando ci si sente costipati è normale pensare di risolvere assumendo dei lassativi o degli integratori naturali e in effetti alcuni di questi prodotti aiutano a migliorare il metabolismo e a prevenire le emorroidi, tuttavia alcuni lassativi possono stimolare delle contrazioni intestinali e questo può stressare ancora di più la zona rettale esercitando una pressione sulle emorroidi. E’, quindi, importante rivolgersi al medico o alo specialista prima di assumere dei lassativi o degli integratori.

Curare le emorroidi in estate

Le procedure chirurgiche moderne permettono di intervenire sulle emorroidi con brevi tempi di recupero e meno dolore di quanto non si creda. In molti casi si può trattare il problema con il Laser o con la scleroterapia, ma se hai intenzione di rimandare qualsiasi procedura chirurgica all’autunno, chiedi al tuo specialista quali rimedi possono aiutarti a gestire meglio i sintomi.

Sono utili creme che allevino dolore e gonfiore, lassativi per ridurre la costipazione e la stipsi, corticosteroidi per alleviare il dolore e l’infiammazione.

Riferimenti bibliografici

FASCRS

LE INFORMAZIONI DEL BLOG NON SONO CONSIGLI NE ARTICOLI MEDICI MA INFORMAZIONI DIVULGATIVE E SUGGERIMENTI PER FAVORIRE UNA CONCEZIONE PROATTIVA DI SALUTE E BENESSERE