Le emorroidi sono ereditarie? Indaga un nuovo studio

Le emorroidi sono ereditarie?

Le emorroidi sono ereditarie?

Le emorroidi sono ereditarie? Sebbene le emorroidi siano un problema di salute abbastanza comune, si sa relativamente poco su questo argomento, forse perché le persone trovano difficile parlarne. Alcuni studi analizzando i genomi di quasi un milione di pazienti hanno recentemente scoperto cause precedentemente sconosciute di emorroidi gravi e rivelato anche collegamenti ad altre malattie gastrointestinali.

Cosa sono le emorroidi

Le emorroidi sono cuscinetti pieni di sangue all’estremità del tratto gastrointestinale che controllano la defecazione, se la pressione su di loro aumenta, possono gonfiarsi e causare prurito, dolore, sanguinamento e altre condizioni che limitano la vita dei malati in vari modi. L’obesità, uno stile di vita sedentario, un basso apporto di fibre alimentari, costipazione e passare troppo tempo in bagno sono evidenti fattori di rischio.

I problemi possono spesso essere alleviati utilizzando farmaci da banco. Nei casi più gravi, tuttavia, è necessario l’intervento chirurgico.

Nonostante le emorroidi siano molto comuni, il campo è relativamente poco studiato, la scienza deve ancora spiegare perché solo alcune persone le sviluppano o fornire indizi sulla patogenesi molecolare della malattia.

Sintomi delle emorroidi: come riconoscerli e come capire quando rivolgersi allo specialista

Disfunzione del tessuto connettivo intestinale

I risultati degli studi indicano che una grave malattia emorroidaria è almeno in parte attribuibile a una disfunzione geneticamente causata del muscolo intestinale e del tessuto connettivo. La speranza è che partendo da queste conoscenze si potrà mettere a punto un trattamento non chirurgico efficace.

Le analisi hanno identificato geni in 102 regioni del genoma umano che aumentano il rischio di malattia emorroidaria. Studiando le singole cellule emorroidali, i ricercatori hanno scoperto che i geni sono espressi principalmente nei vasi sanguigni e nella muscolatura liscia del tratto gastrointestinale. I muscoli lisci sono collegati al sistema nervoso autonomo e si trovano, ad esempio, nello sfintere anale interno.

Genetica

Dunque la genetica può svolgere un ruolo nello sviluppo delle emorroidi. Uno di questi esempi è una malattia ereditaria chiamata sindrome di Ehlers-Danlos (EDS), nella quale la mancanza di collagene può portare alla compromissione dei tessuti del pavimento pelvico. Le emorroidi sono un sintomo comune di EDS e talvolta possono prefigurare una complicanza più grave nota come prolasso rettale in cui l’intestino si trova parzialmente o completamente fuori dal corpo. Un altro difetto comunemente notato è l’assenza di valvole all’interno delle vene emorroidarie, che può portare a un’eccessiva pressione vascolare e gonfiore.

Fattori di rischio legati allo stile di vita

Mentre i problemi di movimento intestinale sono le cause più comuni di emorroidi, ci sono alcuni fattori dello stile di vita che possono aumentare il rischio di una persona sia direttamente che indirettamente.

Scarsa idratazione

Disidratarsi o bere meno di otto bicchieri d’acqua al giorno può contribuire alla stitichezza e, quindi, allo sviluppo delle emorroidi.

Dieta a basso contenuto di fibre

La fibra alimentare è essenziale per la salute dell’apparato digerente e molte persone semplicemente non ne consumano abbastanza. Le diete povere di fibre (con meno di 25-30 grammi di fibre al giorno) possono aumentare significativamente il rischio di stitichezza, è fondamentale inserire nell’alimentazione quotidiana frutta, verdure e cereali integrali, come è indispensabile ridurre l’apporto di alimenti che invece possono aumentare significativamente il rischio di stitichezza:

  • Formaggio
  • Patatine fritte
  • Fast food
  • Gelato
  • Alimenti pronti, compresi pasti surgelati e spuntini
  • Alimenti trasformati
  • Carne rossa

Al contrario, la maggiore assunzione di fibre insolubili può aiutare a ripristinare la normale funzione intestinale. Magari il medico potrebbe anche suggerire di assumere emollienti delle feci o integratori di fibre.

Mancanza di attività regolare

L’inattività fisica e l’assenza di esercizio fisico regolare possono causare una perdita generale del tono muscolare (inclusi i muscoli anorettali) mentre influiscono sulla motilità gastrointestinale (spesso con conseguenti attacchi alternati di diarrea e costipazione).

Limitare la permanenza sul wc

La diarrea cronica o la stitichezza possono peggiorare le cose innescando un’infiammazione persistente dei tessuti anali e rettali (anorettali). Sedersi sul water non fa che aggravare il problema allungando le pareti dei vasi sanguigni in modo così sottile che iniziano a gonfiarsi e dilatarsi.

Gestire la stitichezza

Collaborare con il medico per gestire la stitichezza e prevenire le tensioni significa giocare d’anticipo e prevenire eventuali peggioramenti.

Obesità

L’eccessiva circonferenza dell’addome e il peso sottopongono a stress i muscoli del pavimento pelvico e, a sua volta, il cuscino per le emorroidi.

Riferimenti bibliografici

Image by Gerd Altmann from Pixabay

LE INFORMAZIONI DEL BLOG NON SONO CONSIGLI NE ARTICOLI MEDICI MA INFORMAZIONI DIVULGATIVE E SUGGERIMENTI PER FAVORIRE UNA CONCEZIONE PROATTIVA DI SALUTE E BENESSERE