TRAP per vene varicose: come funziona

TRAP per vene varicose

TRAP per le vene varicose

La TRAP (fleboterapia rigenerativa tridimensionale ambulatoriale) è un metodo innovativo e sempre più utilizzato per il trattamento delle ectasie (dilatazioni) delle vene degli arti inferiori. Le vene varicose e capillari dilatati agli arti inferiori sono condizioni molto frequenti che riguardano più della metà della popolazione adulta di entrambi i sessi ma con una prevalenza di donne. Molte persone, nel timore di dover sottoporsi a intervento chirurgico o alla scleroterapia, rinunciano del tutto alle cure, ma dopo diversi anni di studio e sperimentazione la TRAP per vene varicose, si è dimostrata una cura valida in quanto rafforza la parte venosa, restringe il lume, ripristina la funzione valvolare e migliora, in alcuni casi fino alla scomparsa, tutti i vasi visibili: vene varicose, venule e teleangectasie capillari.

La TRAP funziona?

Le vene trattate con la TRAP non vengono chiuse come con la scleroterapia o rimosse chirurgicamente, ma la parete venosa viene curata stringendo il lume e rinforzando l’elasticità del vaso sanguigno, così da rigenerare le vene superficiali e quelle profonde, perforanti.

L’efficacia funzionale ed estetica della Trap è confermata dalla scomparsa permanente dei vasi varicosi.

Laser per vene varicose e ulcere

Chi può sottoporsi a questo trattamento

TRAP è un metodo che può essere utilizzato anche su pazienti già sottoposti ad altre terapie senza successo. Il trattamento viene eseguito ambulatorialmente, non è doloroso, non necessita di anestesia, e consente l’immediata ripresa della normale attività lavorativa del paziente.

Mediante la TRAP Si garantisce un netto miglioramento della sintomatologia del paziente e dell’aspetto delle gambe prevenendo lo sviluppo di ulteriori malattie varicose.

Il trattamento è tridimensionale: la cura viene eseguita in tutte l’arto, perché la meiopragia (debolezza dei tessuti) è diffusa in tutte le pareti venose dei cerchi superficiali e perforanti. Limitare il trattamento terapeutico esclusivamente dove sono presenti vene visibili rischia di non correggere i cambiamenti emodinamici nel circolo e predispone alla ricaduta.

A differenza della scleroterapia classica, TRAP non chiude i vasi sanguigni, ma ne riduce il calibro.

Fleboterapia TRAP, rischi

Il maggior rischio che il paziente può correre è l’allergia, in questo caso il trattamento deve essere evitato.

TRAP vene controindicazioni

Non ci sono vere e proprie controindicazioni a questo tipo di terapia, se però si soffre di gravi patologie, insufficienze epatiche o renali o si aspetta un bambino bisogna attenersi scrupolosamente al consiglio del medico.

TRAP vene prezzi

Il trattamento è innovativo e lo specialista, attraverso lo studio approfondito, non solo ecografico, dei vasi sanguigni fornirà una panoramica generale e un’analisi dei problemi più in particolare, su questa base consegnerà al paziente un piano operativo e la quantificazione dei costi.

TRAP vene Pistoia, Alba, Milano, Roma

Se sei in cerca di uno specialista che utilizzi la TRAP contattami compilando il form

Riferimenti bibliografici

CRPUB

Foto Pixabay.com

LE INFORMAZIONI DEL BLOG NON SONO CONSIGLI NE ARTICOLI MEDICI MA INFORMAZIONI DIVULGATIVE E SUGGERIMENTI PER FAVORIRE UNA CONCEZIONE PROATTIVA DI SALUTE E BENESSERE